Madre di tutti

romanzo all'indietro

Fazi Editore

 

Nel 1544 a Sassofratto in Valcanale, durante il papato di Paolo III, il pittore Immanuel Novazio detto el Pota finisce al rogo per eresia. Motivo della condanna: l'aver dipinto, su commissione del principe Alberto Federici, una Vergine Maria di colore, con gli attributi della dea pagana venerata a Efeso come Madre di tutti e un pesce d'oro al posto del Bambino Gesù.
Valcanale, oggi. Sassofratto è una rinomata località turistica e il castello Federici è diventato un muse. Qui, nella casetta adiacente al castello, vive Lisa, l'anziana figlia dell'ultimo custode. Con lei c'è sua nipote, la piccola Martina, una bambina misteriosa e geniale, capace di parlare tutte le lingue e di leggere nel pensiero. Martina sostiene di essere la reincarnazione della Madonna nera del dipinto e sta preparando qualcosa che stravolgerà la vita della nonna e la sua memoria più profonda...
Ma questo è soltanto un assaggio della lussureggiante fantasia di Marcelli, che come ne La storia infinita di Michael Ende, prende il via da un libro magico e "insolente" che attraversa epoche e civiltà.
Madre di tutti conduce il lettore in un'avventura che tocca tutta la storia del genere umano, ridisegnata secondo un'intuizione straordinaria: il male coincide con la rotazione terrestre e la deriva dei continenti.
In una commistione di finzione e realtà che non ha uguali nella narrativa contemporanea, se non nelle visioni di Dino Buzzati e nelle premonizioni di Philip Dick, personaggi come Plinio il Vecchio, Nostradamus, Mussolini e Wegener diventeranno testimoni di un'Origine ben diversa da quella che siamo soliti immaginare, e che riguarda il destino di ogni essere vivente fino al più piccolo frammento del mondo.

Stefano Marcelli è nato l'11 novembre 1958 a Foggia. Vive e lavora a Darfo Boario Terme. Con Fazi Editore ha esordito nel 1997 con Il dio femmina stuprato nel bosco.

Contatore visite

 

 © 2003-2016 Stefano Marcelli :: home :: il romanzo :: l'autore :: credits :: www.meso.it :: e-mail