El Balina

La simpatica carta d'identità qui accanto (dell'anno quinto dell'era fascista) apparteneva al mio nonno materno. Quando da bambino mi recavo in vacanza nel paesello d'origine della mia mamma, in provincia di Brescia, alla domanda "Chi sei?" bisognava che rispondessi: "Sò 'l fiöl de la Rina del Balina" (sono il figlio della Rina del Balina). La consegna veniva dalla mie zie, che attribuivano quel soprannome alla particolare abilità del nonno in un gioco antico, di cui però non sono ancora riuscito a trovare informazioni. Sperando che non si rivolti nella tomba, a me piace pensare che in verità raccontasse un mucchio di balle, "qualità" di cui la natura ha generosamente dotato anche me. In fondo, scrivere  romanzi è una specializzazione, una forma evoluta, artistica, del dire fanfaronate. Se crediamo alla psicanalisi, il bambino che ha bisogno di farsi notare può piangere, fare dispetti ai compagni, smettere di mangiare, mangiarsi le unghie, procurarsi ferite e perché no, anche stupire esagerando i suoi racconti (ho fatto tutto questo!).

 

home
ago.it
www.meso.it
www.faceacupuncture.com
www.agopunturagenetica.it
www.needlecontacttest.com
www.agopunturascientifica.it
www.geneticacupuncture.com

Stefano Marcelli copyright 1997-2017 ©